Uova_camiciaLa cottura in camicia e quella poché sono molto simili, ma si differenziano per il fatto che la prima avviene a fuoco dolce e acceso, mentre la seconda avviene in acqua calda, ma a fuoco spento. Ottimo su fonduta, salsa alla senape, maionese, eccellente con il tartufo bianco d’Alba. Per non sbagliare, portate l’acqua a sfiorare un lieve fremito (non dovrà MAI bollire) e aggiungete ad essa un cucchiaio di aceto di vino bianco o di mele e un pizzico di sale. Con un cucchiaio, create un vortice di acqua e versatevi l’uovo precedentemente sgusciato in una tazza. Mantenete il vortice di acqua in movimento fino a che l’uovo non si sarà cotto (3-5 minuti) ma il tuorlo non sarà eccessivamente rappreso. Scolate infine con una schiumarola. Se la cottura è eseguita alla perfezione, l’albume avvolgerà completamente il tuorlo, nascondendolo.

 

 

 

 

Il SEGRETO INFALLIBILE: per i meno esperti, una tecnica infallibile consiste nel foderare una ciotolina (andrà benissimo anche una tazza da the) con della pellicola per alimenti, romperci dentro un uovo e richiudere bene la pellicola praticando un nodo ben stretto. Cuocete i sacchettini ottenuti per 4-5 minuti immergendoli in acqua che sfiora il bollore e otterrete delle uova in camicia perfette!